Utopie di Bellezza

Senza titolo

Artista

Marco Smorta

Dimensione

100x100

Supporto utilizzato

tela

Tecniche utilizzate

pittura ad olio

Artista

Marco Smorta

Dimensione

100x100

Supporto utilizzato

tela

Tecniche utilizzate

pittura ad olio

Concept

Babilonia, rappresenta la perdizione

Descrizione

Abisso Il tema di questa serie di lavori intitolata “Abisso” rappresenta la profondità degli oceani in cui mi calo e sento preda. Parte di quel ciclo vitale così naturale e selvaggio al tempo stesso, in cui nessuno è mai tanto grande abbastanza da non diventarne esso stesso preda. Quando ho iniziato questa raccolta sono successe cose inaspettate: il surreale emerge come un sogno ad occhi aperti e si interseca con il confine della mia realtà. La mente si estranea e raggiunge un livello sensoriale sconosciuto che mi permette di percepire delle immagini imprimendole su carta, tela, modellandole attraverso le mie mani. Immagini che rivelano verità comprensibili solo in un secondo momento, quasi sempre ad opera compiuta. Sviluppare capacità artistiche significa apprendimento e utilizzo di moltissime tecniche che non sono d’importanza secondaria per far sì che queste immagini emergano e siano visibili e comprensibili all’occhio umano. Queste immagini rappresentano esseri non umani che mi trasmettono la sensazione di aver realmente visto e aver addirittura comunicato con loro, ma non so se fanno parte del passato o sono una visione del futuro. Tutto ciò ha aiutato lo sviluppo di alcune parti del mio essere che incidono inevitabilmente sulla mia vita. Con l’impulso di districarsi nel culto stesso della natura mi considero un artista simbolista in senso più esteso. Nei miei lavori, portati avanti con i docenti Giuseppe Stampone, Roberto Rizzo, Andrea Chiesi e il sostegno morale del Maestro Giovanni Iudice, cerco di fissare le emozioni e i sentimenti con l’utilizzo del segno e del colore. Un panismo ricorrente tra uomo e natura. Tutte le opere sono collegate tra loro, ma ognuna di essa racconta una storia diversa visualizzata dallo spettatore stesso. Il tema centrale delle mie opere è la voglia di risalire dagli abissi, il desiderio di non essere più la preda di nessuno, così da poter lib(e)rarmi di nuovo