Utopie di Bellezza

L’inafferrabile scorrere del tempo

Artista

Giulia Zapparoli

Dimensione

96x25 cm (cornice esclusa)

Supporto utilizzato

Carta

Tecniche utilizzate

Acrilico su carta

Artista

Giulia Zapparoli

Dimensione

96x25 cm (cornice esclusa)

Supporto utilizzato

Carta

Tecniche utilizzate

Acrilico su carta

Concept

L’opera vuole riflettere sul senso del tempo. Diverse mani si articolano nello spazio cercando di tenere in equilibrio e trattenere delle sfere; queste ultime rappresentano il tempo, e non vengono mai fermate una volta per tutte, sfuggono, l’equilibrio che si crea è instabile e provvisorio. Le mani si aggrovigliano tra loro in una tensione che mira al contatto con le sfere. L’uomo, coltiva da sempre l’utopia di possedere il proprio tempo, ma questo non gli è possibile; non abbiamo controllo sullo scorrere inevitabile della vita, ma viviamo con l’idea di avere il tempo nelle nostre mani. Forse questa utopia è proprio il «buon luogo» dell’uomo, dove credendo di possedere il suo tempo, agisce liberamente. In senso del tempo che scorre è amplificato dalla successione dei tre fogli in verticale, che creano una sorta di narrazione in tre fasi.

Descrizione

L’uomo e il suo quotidiano sono la mia principale fonte di ispirazione per affrontare diverse tematiche, trovando nel non finito e nel frammento il filo conduttore che lega le mie opere. Il tema dello spazio vuoto diventa un tramite per dare forma a temi quali l’equilibrio, la mancanza, il ricordo, la distanza. L’uomo e il suo sentire sono al centro della mia indagine: dare forma alle sue emozioni, relazioni, rendere visibile ciò che ognuno di noi vive, è ciò che miro a fare con le mie opere. Scultura, pittura e disegno sono un metodo per affrontare il mondo, creare forme e formulare nuove domande sulla realtà. Le mie opere non vogliono imporre un unico punto di vista, ma permettere allo spettatore di creare un suo personale significato, legato alla sua esperienza e sensibilità.